Corsica 2009


Corsica in scooter

(racconto di viaggio dal 26 luglio al 7 agosto di Valentina)

foto Corsica 2009
« 1 di 3 »

Itinerario: Bastia -Ile Rousse – Calvi – Porto – Porticcio – Bonifacio – Corte – Bastia

Questa estate, in attesa del grande viaggio di novembre che ci porterà a visitare la Patagonia, disponendo ancora di diversi giorni di ferie e non riuscendo ad arrivare senza stacco dal lavoro ai mesi autunnali, cerchiamo una meta vicina e possibilmente molto economica. Abitando a Genova, le opportunità di godere di mare e spiagge non ci mancano, non solo in estate, ma durante tutto l’anno, ma entrambi abbiamo voglia di rilassarci e di fare qualche bel bagno e così la scelta ricade sulla vicina Corsica!
L’idea iniziale era quella di fare il giro dell’isola con la vespa px 125 di Roby, ma, visti i tanti km da fare ed essendo per di più alla prima esperienza di un viaggio sulle 2 ruote, scegliamo il mio scooter, un Honda Pantheon 125, decisamente più comodo, con possibilità di utilizzare sottosella e bauletto e con un motore un po’ più potente e adatto a sopportare meglio i saliscendi e le molte curve della Corsica.
Cercando di fare tutto il più economicamente possibile e non volendo spendere soldi inutili nell’acquisto di borse laterali specifiche per il motorino, che non sapremo se mai riutilizzeremo in futuro, cerchiamo di arrangiarci come meglio possiamo. Circa un mese prima della partenza, Roby riceve dalla sua azienda due piccoli borsoni identici, morbidi, dotati di maniglie, che, appena visti, ci sembrano ottimi per essere piazzati sulle scocche dello scooter… Il problema, però, è come fissarli… (??) Viene in nostro soccorso un amico dei genitori di Roby, un tappezziere, tutto fare, dotato di ingegno e senso pratico, che, viste le borse e lo scooter, cuce in punti prestabiliti pezzi di corde utilizzate per tirare su le tapparelle, che, grazie poi ad un sistema studiato da Roby, con l’ausilio di moschettoni e ganci, ci permetteranno di fissare saldamente i borsoni alla scooter e di avere a disposizione moltissimo spazio! Un sistema artigianale, ma decisamente pratico, che si rivelerà ottimo durante tutto il viaggio! Logicamente, prima di partire, facciamo varie prove anche su strada, tutte superate brillantemente, quindi, alla fine si va! Unico inconveniente: se dovesse piovere, le borse si bagnerebbero molto, non essendo rigide, né di materiali adatti a sopportare l’acqua, ma noi portiamo dei grossi sacchi della spazzatura, in cui avvolgerle, in caso di necessità e confidiamo nella buona sorte e soprattutto nel sole!!
Trattandosi dell’ultima settimana di luglio e della prima di agosto, preferiamo decidere a priori l’itinerario da seguire e prenotare gli alberghi. Purtroppo, notiamo subito che i prezzi degli hotel in questo periodo sono piuttosto alti e gli stessi da noi scelti, in bassa stagione, hanno prezzi veramente stracciati! Ma ormai abbiamo deciso e comincia così la lettura di vari racconti di viaggio e dei consigli annessi… Il dubbio comunque permane: in che senso è meglio visitare l’isola? Orario o anti-orario? E’ davvero così pericoloso affrontare il giro trovandosi lato “burrone”? Le zone più belle si trovano sicuramente sulla parte ovest e quindi noi scegliamo di visitarle per prime; da qui si deduce il fatto che abbiamo scelto di fare il giro in senso anti-orario e siamo felicissimi della nostra scelta! Da questa parte si trovano, infatti, le strade panoramiche più suggestive e spiagge famose e meno affollate!
La preparazione del viaggio va avanti con la prenotazione via internet del traghetto della Moby che da Genova ci porterà a Bastia e prosegue poi con la decisione delle tappe:

26/07/2009: Traghetto Genova – Bastia; da Bastia ad Ile Rousse– 70 km
27/07/2009: Ile Rousse
28/07/2009: da Ile Rousse a Calvi – 24 km
29/07/2009: Calvi
30/07/2009: da Calvi a Porto – 75 km
31/07/2009: da Porto a Porticcio (sotto Ajaccio) – 97 km
01/08/2009: da Porticcio a Bonifacio – 125 km
02/08/2009: Bonifacio
03/08/2009: Bonifacio
04/08/2009: Bonifacio
05/08/2009: da Bonifacio a Corte – 130 km
06/08/2009: da Corte a Bastia  – 76 km
07/08/2009: Traghetto Bastia – Genova

Nel dettaglio:

26/07/2009
Sveglia alle 6 del mattino, fissaggio delle borse sullo scooter e siamo pronti per affrontare i primi 15 km che da Prà ci porteranno al terminal traghetti. Arrivati alla partenza ci sono tanti altri che come noi hanno deciso di affrontare la vacanza sulle 2 ruote, ma la maggior parte è dotata di moto di grossa cilindrata, siamo gli unici con uno scooter, per di più 125…
La nave parte puntuale alle 9.30 e arriva altrettanto in orario a Bastia alle 13.45.
Sbarcati sull’isola, ci dirigiamo verso Saint Florence: la strada è splendida! Ovunque si sente l’odore della macchia mediterranea particolarmente rigogliosa e si vede il mare laggiù in lontananza di un azzurro incredibile! Non resistiamo e, appena la strada ce lo consente, ci fermiamo per scattare delle foto! Arrivati a Saint Florence, facciamo tappa alla Spar a comprare pane e prosciutto che consumiamo seduti su una panchina sotto degli enormi alberi. Riprendiamo la nostra marcia e attraversiamo il meraviglioso paesaggio lunare costituito dal Desert des Agriates: bello! Arriviamo ad Ile Rousse, all’Hotel Cala du Oru, (99€ a notte la stanza per 2 persone) molto carino e curato, prenotato via internet, dove troviamo la scritta “no vacancy”… meno male che abbiamo prenotato! Posati i bagagli in camera, ci mettiamo subito il costume e ci dirigiamo verso la spiaggia di Ile Rousse, che è affollatissima e facciamo il primo bagno alle 7 di sera. Dopo essere rientrati in hotel per la doccia, gironzoliamo per il centro di Ile Rousse, che è veramente carino e cerchiamo un posto per mangiare: la Quadrera, consigliata dalla Routard, ci ispira molto e non rimaniamo delusi: mangiamo una torta al brocciu, il famoso formaggio corso e del pesce con verdure e come dolce il fiadone: il tutto per 19€ a testa.

27/07/2009
La colazione non è compresa nel prezzo della stanza e quindi andiamo in centro a prenderci cappuccino e croissant in una panetteria.
Prendiamo il motorino e ci dirigiamo alla famosissima spiaggia degli Ostriconi: è stupenda!! E’ contornata da una grande laguna dall’acqua calda e battuta da un vento costante che permette di sopportare il sole benissimo e soprattutto è enorme e non affollata!! La giornata trascorre quindi nell’ozio più totale tra sole e bagni.
Alla sera, andiamo in un locale che avevamo adocchiato ieri: Chez Paco, dove mangiamo una paella di pesce enorme e buonissima!

28/07/2009
Colazione di nuovo in una panetteria con caffè e pan au chocolat, giro al supermercato per comperare un po’ di viveri per il pranzo, caricamento borse sullo scooter e ci spostiamo nella vicinissima Calvi, dove lasciamo i bagagli all’hotel Cyrnea (80€ a notte la stanza per 2 persone con colazione), anche questo molto carino e con il garage per le moto per la sera, sempre prenotato via internet prima della partenza.
Non essendo ancora pronta la camera, ci spostiamo con lo scooter nel centro di Calvi, dove visitiamo la bella cittadella fortificata, dalla quale si godono viste stupende sulla baia dalle acque turchesi. Facciamo un giro per la via pedonale, mangiamo una crepes con formaggi corsi, rientriamo in albergo e ci prepariamo per provare la spiaggia di Calvi, che è molto bella e grande, ma molto frequentata. Anche qui, un bel venticello soffia costante e rende la permanenza al sole decisamente piacevole.
Alla sera proviamo il ristorante “Aux bons amis”, consigliato anche dalla Lonely, dove Roby mangia le ali di razza, mentre io dei cannelloni al brocciu ed entrambi scegliamo la creme brulé come dolce! Ottimo anche questa sera!

29/07/2009
Al mattino, dopo la buona colazione in hotel, questa volta compresa nel prezzo della camera, ci dirigiamo con lo scooter verso la D81B, la strada costiera per Porto. Ci fermiamo in prossimità di una spiaggetta vicina ad un faro, che si raggiunge o in fuori strada, o a piedi, attraverso una ripida discesa, che si rivelerà una faticosa salita al ritorno sotto il sole cocente! Si tratta comunque di una piccola caletta con acqua splendida! Passiamo un’altra giornata rilassante tra bagni, sole e letture!
Alla sera, torniamo alla cittadella di Calvi per goderci il tramonto e poi ceniamo vicino al porto da “Nautic”, dove prendiamo 1 kg di muscoli a testa con una cremina buonissima, con contorno di patate fritte, che “pucciate” nella salsina sono divine!

30/07/2009
Oggi dopo la colazione in hotel, rimontiamo tutte le borse sullo scooter e ci dirigiamo verso Porto, attraverso la D81: la strada è bellissima e adattissima alle 2 ruote: in alcuni punti è stretta e tortuosa e con lo scooter è proprio un piacere! Arriviamo così a Porto, all’hotel Ideal, anche questo prenotato via internet, niente di che, con una stanza minuscola e cara (100€ a notte la stanza per 2 persone con colazione) e con un addetto alla reception per niente simpatico…
Andiamo al porto e scegliamo di fare un’escursione in barca che ci porterà prima a vedere la bellissima Riserva Naturale della Scandola con sosta alla spiaggia della Girolata per un bagno e poi, al tramonto, a vedere i Calanchi: meravigliosi!!
Alla sera, mangiamo al ristorante “Torre Genovese”: non male!

31/07/2009
Questa mattina, dopo la colazione in hotel, ci rimettiamo in moto e cominciamo la strada che ci porterà a Porticcio, 18 km sotto Ajaccio e ci farà attraversare i famosissimi e bellissimi Calanchi! Abbiamo notato che nella zona partono diversi sentieri che permettono di aggirarsi tra le strane formazioni rocciose, ma, noi, purtroppo, avendo tutti i bagagli caricati sullo scooter, non possiamo lasciarli incustoditi per troppo tempo e quindi ci limitiamo a fare molte soste nelle varie piazzole.
Lungo la via, vediamo le cittadine di Sagone e Tuccia con le loro bellissime, grandissime e deserte spiagge: peccato non potersi fermare! Arrivati ad Ajaccio, facciamo un giro con lo scooter per la città, che è decisamente una “metropoli” rispetto ai luoghi visitati fino ad ora e raggiungiamo Porticcio e il nostro albergo, hotel – motel de Porticcio (73,50€ a notte la stanza per 2 persone con colazione), pulito, con un bel pergolato, ma con una stanza piccola e un po’ trasandata.
Passiamo il pomeriggio sulla bella spiaggia di Porticcio e alla sera mangiamo in una pizzeria sulla spiaggia “Alba Nuova”, di fronte ad un tramonto meraviglioso (mi maledico di non aver portato la macchina fotografica!)

01/08/2009
Oggi ci attende lo spostamento da Porticcio a Bonifacio, durante il quale incontriamo altri luoghi che ci piace appuntare e tenere a memoria per una futura visita: Propriano, dalle spiagge splendide e Sartene, una bella cittadina arroccata!
Arriviamo al Padolo – Hotel – Residence di Bonifacio www.padolo.com/, (2 notti 85€ e 2 notti 105€ per la stanza per 2 persone) che si trova a circa 2 km dalla città, molto ben segnalato, veramente ottimo e carino: la nostra camera, molto fresca, è grande e moderna e dotata di un piccolo spiazzo davanti alla porta con tavolino e sedie dove consumare la colazione. Anche qui, la colazione non è compresa nel prezzo, ma, a disposizione degli ospiti, c’è un grosso frigo, dove lasciare i propri viveri: perfetto!
Partiamo subito per andare a scoprire Bonifacio: è bellissima! E’ una città splendida, piena di vicoli e stradine, bello il percorso pedonale tra le mura, la vista sulle sue famose scogliere bianche, insomma, è stato davvero un piacere aggirarsi per il suo centro storico!
Al tramonto facciamo parte della passeggiata lungo le falesie per scattare belle foto sia al faro che alla rocca: romantico!
Questa è comunque una serata di festa, in quanto ci sono musici e giocolieri per le vie del centro e, dopo una cena non fantastica, in uno dei locali del centro, di cui non ricordo il nome, ci godiamo anche lo spettacolo dei fuochi d’artificio!

02/08/2009
Oggi ci dedichiamo alla scoperta delle spiagge intorno a Bonifacio: scegliamo la famosa Rondinara; davvero molto bella, grande e non troppo affollata!
Alla sera, mangiamo in un ristorantino, che rimarrà sempre nei nostri cuori: “l’Archivolto”. Mangiamo Tapas e lasagne alla “bonifacienne”, con melanzane e Brocciu e un ottimo Brownie! Spendiamo un po’ di più rispetto alle altre sere, ma abbiamo mangiato proprio bene e il locale è veramente caratteristico!

03/08/2009
Oggi il tempo non è dei migliori (prima giornata nuvolosa da inizio viaggio) e così ci dedichiamo alla visita di Porto Vecchio. Siamo contenti di aver scelto di rimanere 4 notti a Bonifacio e di non averne fatte 2 lì e 2 a Porto Vecchio, perché questa seconda cittadina ci piace molto meno!
Verso le 12, decidiamo lo stesso di andare a vedere la famosa spiaggia di Santa Giulia, che, nonostante il tempo, risulta molto affollata! La mancanza di sole rende comunque la sosta in spiaggia piacevole, perché riusciamo a schiacciare diversi pisolini! Verso le 5, il tempo migliora e l’acqua, di un azzurro fantastico, ci invita proprio a fare un bel bagno!
Il rientro in hotel è un po’ più faticoso, in quanto il tempo è migliorato grazie ad un vento fortissimo, che ci accompagna per i 25 km che ci separano da Bonifacio, rendendo l’esperienza non molto piacevole: il parabrezza dello scooter fa “vela’’ e veniamo spostati di qua e di là durante il tragitto… fortunatamente alla guida c’è Roby, che, avendo più forza, riesce a mantenere meglio la tenuta dello scooter.
Alla sera, ritorniamo al nostro “Archivolto”, dove io prendo filetto di San Pietro, Roby sformato di triglia, per entrambi insalata di polpo e brownie: ottimo!

04/08/2009
La giornata è dedicata alla visita dell’Ile de Lavezzi! Compriamo al porto un’escursione da una delle tante agenzie, che hanno tutte gli stessi prezzi, e, per 60€, attraversiamo le Bocche di Bonifacio, con il mare parecchio mosso e veniamo lasciati in questo piccolo angolo di paradiso! Bisogna portarsi il pranzo al sacco, perché sull’isola non c’è assolutamente nulla! Il posto è meraviglioso, scegliamo una piccola caletta e facciamo delle belle nuotate in un’acqua limpidissima! Ritorniamo indietro con la barca delle 4, vediamo altre isolette e ci godiamo la vista di Bonifacio dal mare!! Alla sera, neanche a dirlo, torniamo nuovamente all’Archivolto per la nostra “ultima cena” nella cittadina!

05/08/2009
Oggi ci aspetta la tappa più lunga del viaggio: da Bonifacio dobbiamo raggiungere Corte, l’antica capitale corsa. Il primo tratto di strada, lungo la litoranea, per me è il più difficoltoso: la strada sì è tutta dritta, ma, proprio per questo, le macchine vanno molto più veloce e ci superano in continuazione, quindi, sono costretta a mantenere il più possibile la destra e, a volte, a fermarmi, per far passare alcuni tir. Presa la deviazione per Corte, la strada diventa più tortuosa e piacevole! Facciamo sosta in un piccolo campeggio con annesso ristorante, dove consumiamo una torta di verdure e delle patate fritte (lo chef ci dice che sono fritte nel grasso del maiale… ecco perché erano così gustose, ma che schifo, però!!!). Arriviamo a Corte all’hotel HR, l’albergo è decisamente economico (45€ per la camera doppia), ma non è certo il massimo… le camere non sono sporche, ma tutto è così fatiscente… va beh, intanto, ci passiamo una sola notte!
Iniziamo subito la nostra visita di Corte, che mi ricorda in parte i nostri borghi dell’imperiese, e respiriamo il forte nazionalismo e orgoglio del popolo corso. Giriamo per tutto il centro storico e alla sera mangiamo in un localino omelettes e patate fritte e poi una buona crepes. In questa zona della Corsica, partono molti sentieri e altre zone bellissime da esplorare, ma, purtroppo, non abbiamo tempo a sufficienza! Ce ne ricorderemo in futuro!

06/08/2009
Da Corte giungiamo a Bastia, dove soggiorniamo al Sud Hotel www.sudhotel-bastia.com/ (76€ la camera per 2 persone) carino e  abbastanza centrale. Ci dirigiamo con lo scooter nel centro di Bastia e ci sembra di essere a Genova! Il centro storico è molto bello, pieno di vicoli, chiese e stradine! Rimaniamo in giro fino alla sera e mangiamo del buonissimo pesce in un bel ristorante nella zona del porto.

07/08/2009
Facciamo ancora un giro per il centro di Bastia e poi ci rechiamo all’imbarco dei traghetti, dove prendiamo la Moby che ci riporterà a Genova.
Abbiamo percorso 862 km in 13 giorni e speso 1000€ a testa.

Ora siamo pronti per riprendere a lavorare, molto più rilassati e riposati, pronti ad attendere novembre per il grande viaggio!
L’esperienza della vacanza con lo scooter è stata ottima e non ci dispiacerebbe ripeterla!

valentinaratto@tin.it


scrivi qui il tuo commento